Tasse Interactive Brokers

Chi deve dichiarare il conto Interactive Brokers al fisco?

Tutti i clienti Interactive Brokers hanno l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi e compilare il Modello Redditi, anche nel caso di una minusvalenza.
I report rilasciati da Interactive Brokers non sono stati creati per rispondere alle esigenze fiscali, per cui hanno bisogno di una complessa rielaborazione per poter calcolare l’imposta dovuta in sede di dichiarazione dei redditi. Dichiarativo.com offre un software unico e specializzato per elaborare i dati Interactive Brokers seguendo la Normativa Fiscale.

elaborazione fiscale di un conto trading per la dichiarazione dei redditi

La soluzione per il calcolo delle imposte del conto trading in regime dichiarativo. Dichiarativo.com propone agli operatori del settore un software per il calcolo delle plusvalenze dei conti trading

Il primo software per l’elaborazione fiscale dei conti trading.
Ti interessa saperne di più? Contattaci o visita uno dei nostri partner

Partner esclusivo per l’Italia:

Tasse Trading Srl
Via Cavalletto 2,
Piacenza 29121
Tel: 0523 1823221
info@tassetrading.it
www.tassetrading.it Tasse Interactive Brokers 1

Tasse Conti Trading

Conoscenze e Competenze Esclusive

Rendicontazione Interactive Brokers: facile con il Software anche per i casi più complessi

I programmatori di Exelentia Ltd, per creare il software di elaborazione fiscale hanno dedicato anni di studio alla complessa normativa relativa alla fiscalità del trading online, per arrivare ad un software che applica la corretta metodologia anche ai casi più complessi. Questo permette di ottenere risultati corretti e coerenti per tutti i conti trading elaborati riconciliando il risultato fiscale con quello economico. Il trader con un conto trading in regime dichiarativo non avrà più problemi in sede di dichiarazione dei redditi per calcolare le tasse dovute, rendendo il processo più facile.

Il conto Interactive Brokers è in regime dichiarativo e deve essere inserito in dichiarazione dei redditi

Cosa fa il software?

I Centri di Assistenza Fiscale (CAF) e Studi Commercialisti che non elaborano molti conti Interactive Brokers non dispongono di un software creato per eseguire questo lavoro: di conseguenza per arrivare al risultato giusto dovrebbero passare settimane o mesi a fare questi calcoli su un foglio Excel per calcolare la tassa dovuta.

I calcoli effettuati dal software Dichiarativo.com tengono sempre conto delle variazioni della normativa fiscale di riferimento, per assicurarsi che il calcolo delle imposte da versare per il conto Interactive Brokers sia corretto.

report Interactive Brokers

Il conto IB è multivaluta. Nel caso di un investimento in valuta estera, è importante separare la plusvalenza dovuta al cambio di prezzo dello strumento finanziario, da quello della valuta prima di sottoporre le plusvalenze a tassazione. Per ogni movimento di valuta nel tuo conto Interactive Brokers, il software ricalcola le plus e minusvalenze secondo la metodologia LIFO per arrivare alle corrette tasse dovute.

Interactive Brokers

Chi deve dichiarare il conto IB?

Tutti i clienti IB residenti in Italia hanno l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi e compilare il Modello Redditi anche nel caso di una minusvalenza.

Qual'è la tassazione per le plusvalenze su azioni?

Le azioni subiscono una imposta sostitutiva del 26%, mentre le obbligazioni o ETF di obbligazioni statali subiscono una imposta sostitutiva del 12,5%

Sotto €5.000 devo dichiarare il conto IB?

Assolutamente si! Il conto trading estero va sempre dichiarato, non esiste un importo minimo: la soglia dei €5000 è per i conti correnti.

Come si calcolano le imposte sulle plusvalenze?

La normativa fiscale prevede che le operazioni venganono chiuse con il metodo LIFO (Last-In, First-Out), sia per le posizioni finanziarie, che la valuta estera. Per gli ETF, la metodologia utilizzato è il prezzo medio di acquisto. Su operazioni in valuta diversa da Euro, il costo dell'operazione dovrà essere ricalcolato in Euro utilizzando il cambio di fine giornata della banca d'italia. Queste metodologie rendono il calcolo molto complesso superate poche operazione.

Le plusvalenze possono compensare le minusvalenze?

Si! Le plusvalenze da redditi diverti possono compensare tutte le minusvalenze dallo stesso tipo di reddito, anche su conti trading diversi.

Le plusvalenze da ETF possono compensare le minusvalenze?

No. Le plusvalenze da ETF saranno categorizzate come redditi di capitale o redditi ordinari, e non potranno compensare minusvalenze da ETF o da altri strumenti.